Recensione JGAurora A5

JGAurora A5 JG Aurora A5 è una stampante 3D di origine cinese di fascia medio alta. Rispetto ai concorrenti più economici ha un supporto tecnico tramite email ed un sito web molto funzionale.

Viene venduta come kit preassemblato composto dal letto di stampa, con la parte elettronica, e l’estrusore con gli assi X e Z che compiono la stampa in 3 dimensioni. Il design è ben curato, infatti la stampante è realizzata con un’elegante scocca in alluminio che la protegge da eventuali urti o polvere.

Le parti interne sono affinate rispetto alle precedenti versioni, i componenti sono tutti fabbricati in alluminio conferendo maggiore robustezza alla struttura. Il letto di stampa ha avuto un enorme miglioramento, è stato invertito ed ora non ha più problematiche di urto contro il telaio durante il processo di stampa.

Un veicolo dall’aspetto solido, ideale per creare anche con materiali di bassa qualità, perfetto per chi si avvicina alla stampa 3D o è un esperto del settore. La piattaforma di stampa è composta da un piano molto resistente che permette un’agevole estrazione del manufatto al termine della stampa. È dotato di un display touch screen di ottima fattura, posizionato al centro e facilmente accessibile. Una stampante dalle prestazioni eccellenti, disponibile a un costo accessibile ma con molteplici opportunità.

Sai quali sono le stampanti 3D migliori?
Abbiamo realizzato una classifica sempre aggiornata delle migliori stampanti 3D più vendute, per tutte le tasche!

Guarda ora la classifica delle stampanti 3D..

Caratteristiche tecniche principali

Caratteristiche principali della stampante 3D JG Aurora A5 riportate dal produttore:

  • tecnologia di stampa usata FFF;
  • peso 16.5 kg circa;
  • dimensioni corpo macchina 43,1 cm x 37 cm x 42,3 cm;
  • volume massimo di realizzazione 305 mm x 305 mm x 320 mm;
  • display touch screen a colori multifunzione da 2,8 pollici;
  • porta bobina integrato nella stampante;
  • letto di stampa riscaldato;
  • piattaforma di stampa in vetro diamantato nero;
  • porta USB;
  • modalità salvataggio automatico in caso di distacco corrente;
  • funzione di controllo esaurimento filo;
  • rullo ad alta precisione rinforzato con barra in metallo;
  • certificazione di qualità, il prodotto CE, FCC e RoHS;
  • garanzia di 2 anni per l’intera stampante e 180 giorni per le parti di ricambio.

L’azienda ha voluto sviluppare lo studio ingegneristico dei suoi componenti, implementando alcune parti funzionali essenziali. Particolare attenzione è stata volta al letto di stampa riscaldato il quale, grazie alle sue caratteristiche morfologiche, facilita l’adesione del pezzo in costruzione ed il distacco a termine lavoro.

Raggiunge temperature tra i 90 ed i 110 gradi, ottima l’adesione anche a plastiche come l’ABS, questo grazie anche al materiale isolante di cui è composta la base che lavora contro la dispersione del calore. La temperatura dell’estrusore è indicata fino a 240 gradi, ottima per fondere anche i materiali plastici più resistenti.

Per ogni bobina la macchina carica le informazioni sul materiale, regolando così la temperatura in base al materiale. La scocca portante rinforzata conferisce maggiore stabilità durante il processo di stampa, evitando eventuali movimenti del corpo macchina che possono compromettere la realizzazione dell’oggetto.

Come si può intuire, JG Aurora A5 è un dispositivo molto robusto e versatile, il quale presenta una larga area di stampa, consentendo di realizzare anche oggetti di dimensioni importanti. Le sue funzionalità, come il ripristino del lavoro in caso di assenza di corrente, il display multifunzione con alta sensibilità al tatto di dimensioni ottimali per una scelta rapida di tutte le impostazioni e la stabilità strutturale, la rendono un ottimo prodotto da valutare se si desidera acquistare una stampante 3D.

Recensione JGAurora A5

Unboxing: cosa contiene la confezione

  • Kit preassemblato composto da letto di stampa e parte verticale con estrusore con gli assi X e Z;
  • cavo di connessione alla corrente;
  • cavo per la connessione al PC;
  • manuale di istruzioni in lingua inglese e cinese, con indicazioni sul supporto tecnico per maggiori informazioni;
  • una bobina di PLA verde per iniziare a stampare;
  • CD con driver di configurazione per il PC.

Il packaging è molto curato, infatti la stampante viene imballata con pluriball e polistirolo in modo tale da evitare qualsiasi problematica di malfunzionamento in caso di urti e cadute durante il trasporto. Avvolta con materiale plastico per scongiurare anche il rischio umidità. Al suo interno tutte le parti sono ben separate facilitando così il montaggio.

Sai quali sono le stampanti 3D migliori?
Abbiamo realizzato una classifica sempre aggiornata delle migliori stampanti 3D più vendute, per tutte le tasche!

Guarda ora la classifica delle stampanti 3D..

Assemblaggio, configurazione e calibrazione

La stampante viene fornita già preassemblata. Prima dell’utilizzo, occorre effettuare alcune verifiche che permettono un buon utilizzo dell’apparecchiatura. Il montaggio impiega poco tempo ma necessita di controllo la cinghia che deve essere ben tirata, in quanto se allentata, potrebbe aver problemi di slittamento durante il processo di realizzazione.

Non di meno importanza è la verifica del letto di stampa, il quale deve essere posizionato centralmente rispetto al corpo. Per fare ciò è utile aiutarsi con un calibro. Tramite l’apposita funzione indicata nelle impostazioni, è necessario effettuare la calibrazione dell’estrusore attraverso la funzione leveling, in modo tale da allineare in maniera perfetta tutti gli elementi interessati alla stampa.

Per la configurazione con il PC sono disponibili i software che consentono di far funzionare l’interfaccia hardware. Il firmware, installato sulla stampante, è compatibile con la maggior parte dei sistemi operativi ad oggi in commercio.

Funzionalità e prestazioni

A paragone con altre stampanti 3D, grazie alle sue prestazioni ed alle sue capacità, la macchina è molto versatile e competitiva. Ideale soprattutto per la stampa di pezzi medio grandi, in quanto con oggetti più piccoli risulta leggermente imprecisa sulla sovrapposizione degli strati.

Il processo di stampa è lineare ed anche piuttosto silenzioso. La memoria di lavoro in caso di distacco della corrente, la porta USB ed il sensore di rilevamento della quantità di bobina, rendono veramente appetibile la stampante all’utilizzo. In grado di adattarsi a qualsiasi tipologia di materiale plastico, ottenendo un lavoro estremamente performante.

Le componenti sono di ottima qualità e, grazie alle sue dimensioni ridotte, puó essere riposta facilmente anche negli spazi più stretti. Estremo punto di forza è il porta bobina che consente di ridurre gli ingombri ed avere un ambiente di lavoro più ordinato. In caso di rottura, consultando il centro d’assistenza, è possibile farsi recapitare i ricambi direttamente dalla Cina, in qualsiasi momento.

Rapporto qualità prezzo

Essendo una stampante di medio alto livello, raffrontata con le altre concorrenti cinesi, JG Aurora A5 per funzionalità e per qualità è una macchina davvero performante. I materiali di costruzione sono stati migliorati rispetto alle precedenti versioni. Il prezzo si aggira nella fascia dei 300 euro, risultando estremamente competitivo a paragone di altre macchine di pari funzionalità sul mercato. Viene configurato così come un ottimo prodotto, considerando il rapporto qualità/prezzo.

Opinioni: pro e contro della stampante JG Aurora A5

Analizzando forum e recensioni di Amazon, viene evidenziato come punto di forza la disponibilità dell’azienda, in caso di pezzi difettosi o mal funzionanti, ad inviare molto velocemente i ricambi ed una comunicazione rapida di assistenza tecnica disponibile su un portale dedicato.

Alcuni utenti lamentano un imperfetto assemblaggio al momento della consegna e quindi la conseguente revisione dell’intera macchina prima di iniziare il suo utilizzo, oltre che una certa imprecisione sullo stampaggio. Su Amazon si aggiudica 3,4 stelle su 5 cioè il 43% hanno votato 5 stelle, attestandosi così come un valido prodotto per vari segmenti di mercato.

JG Aurora,